Lettera Di Pino Aprile Ai Senatori, Sud:, TAV? Prima Le Migliore Lettera Aperta A Liberi E Uguali

Lettera di Pino Aprile ai senatori, Sud:, TAV? Prima le, Lettera aperta a liberi e uguali

Altre lettere correlate a ciò che vuoi Lettera Aperta A Liberi E Uguali

Lettera Di Pino Aprile Ai Senatori, Sud:, TAV? Prima Le - Caro senatore, caro senatore, nel caso in cui votassi il "sicuro" per il tav, fornirai una spiegazione per il tuo elettorato meridionale che questa folle spesa per un pezzo che è persino dannoso, oltre che inutile, ha la priorità rispetto l'insegnamento che andrà a matera e in gran parte del sud non è arrivato da quasi centosessanta anni? E "prima il nord" ritiene che sia più essenziale delle merci (comunque il traffico stia diminuendo) raggiungere, tra i 20-30 anni, un paio di minuti in anticipo da torino a lione, anche se per più di un secolo e un 1 / 2 i meridionali non sono stati in grado di arrivare nella maggior parte delle loro città, se non più con i propri mezzi, "a proprie spese", mentre nel nord, anche gli oggetti scarsi hanno diritto a velocità eccessiva a tutti e le altre spese?.

L'm5s trasmette un voto in opposizione al tav, capendo che è molto in calo e che mira a salvare l'anima gratuitamente, perché la lega voterà "sì" con tutti gli altri all'interno del portatore della cerchia ristretta del solito " mutuatari "del po. E il sudiciume bypasserà.

Il governo giallo-inesperto, con l'autonomia differenziata che la lega pretende di aggirare a tutti i costi (spese, di direzione, sostenute con l'aiuto del sud), ci ha offerto una delle "perle" più disgustose di sempre della politica italiana, che non è sempre ideologico, per quanto geografico (nord invece che sud): il documento congiunto dei vicini consiglieri di lombardia, veneto ed emilia romagna, chiedendo che la celebrazione democratica "nazionale" (di conseguenza pd terroni coperta), aiuti salvini a la corsa per l'autonomia per sottrarre dalle fonti extra del sud da trasferire al nord.

Torino-lione è stata ostile per trent'anni, la valutazione costi-benefici ha dichiarato che è vano, dannoso, perdere; l'italia sostiene i costi dei terzi, mentre i due terzi dei lavori sono in francia; le promesse dell'europa di aumentare la percentuale di denaro che metterà a proprio vantaggio non sono una dedica all'attuale gestione dell'ecu; l'apice del governo giuseppe conte è imperfetto di scoprire appena in tempo la facilità di torino-lione, per essere accreditato perché il referente più affidabile (rispetto al 2 vice calciatore, i suoi datori di lavoro) agli occhi della cricca di "mutuatari" parassiti di opere e finanze pubbliche.